Roma, 23 novembre 2017 - “Per la prima volta il sindacato
"L'Ugl Polizia Penitenziaria è favorevole alla copertura
Sul bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia è
Roma - Si è tenuta presso il DAP la riunione tra i ...
L’Onorevole Mauro Pili (nella foto), sempre attento alle
"L'UGL Polizia Penitenziaria ha sempre creduto all'innocenza dei
Forze di Polizia: "aumenti di stipendio e riordino delle carriere"

Il Consiglio dei Ministri del 15 ottobre scorso, ha approvato il disegno di legge di bilancio dello Stato per l’anno finanziario 2017 e per il triennio 2017-2019. La manovra vale 27 miliardi di cui 1,9 i miliardi sarebbero stati impegnati per il rinnovo dei contratti nella pubblica amministrazione, per le retribuzioni di forze armate, dei corpi di polizia e per nuove assunzioni.

Sulla necessità di stanziare fondi per il rinnovo dei contratti delle forze di polizia, il 10 ottobre scorso è intervenuta anche il Vice Presidente della Commissione Lavoro della Camera, On. Renata POLVERINI (FI) che ha sollecitato il Governo ad avviare le trattative per il rinnovo dei contratti del Comparto Sicurezza, ribadendo la necessità di prevedere le relative risorse finanziarie all’interno del disegno di legge di bilancio, considerato che si tratta di una categoria professionale che vive e lavora in condizioni particolarmente disagiate, alla luce del fatto che le remunerazioni non sono adeguate all’aumento del costo della vita.

Il Governo, a quanto pare, avrebbe stanziato soldi per il riordino delle carriere che – ricordiamo ai più distratti – se ne parla ormai da anni e puntualmente la discussione finisce in una bolla di sapone. Anche quest’anno, si riapre lo scenario e sarebbero stati stanziati, con il disegno di legge sul bilancio, 390 milioni di euro da sommare a 119 milioni già disponibili.

A quanto pare, quindi, adesso ci sarebbero i soldi per definire la nuova organizzazione professionale delle forze di polizia. Il Governo ha inoltre confermato che dal 1 gennaio 2017, gli 80 euro dovrebbero diventare strutturali in busta paga con effetti anche sulla previdenza e la liquidazione.

Il segretario Nazionale della UGL Polizia Penitenziaria, Alessandro De Pasquale, ritiene che lo stanziamento dei fondi su un riordino delle carriere debba valorizzare le carriere iniziali delle forze di polizia. A quanto pare, le attuali bozze di riordino non sembrerebbero andare verso questa direzione, ma sembrerebbe mettere sullo stesso piano qualifiche con responsabilità di gran lunga diverse.

Last modified on Lunedì, 17 Ottobre 2016 10:42
Share this article

Contatti

Privacy Policy

Top