In relazione ai numerosi quesiti, il DAP ha ritenuto necessario
Roma 17 gennaio 2017 - Nella riunione di oggi i sindacati e il
Il Dap ha avviato le procedure per la promozione alla qualifica
Il prossimo 17 gennaio ci sarà un’altra riunione ...
Approvata la graduatoria dei candidati del concorso interno, per
Dopo la riunione di dicembre u.s. l’UGL Polizia ...
Contratto, (De Pasquale Ugl): "Governo non tutela Forze Polizia; pochi spiccioli che al netto saranno una miseria"

“È partito il confronto tra sindacati e Governo per il rinnovo del contratto delle forze di polizia; pochi spiccioli che, al netto, si tradurranno in miseria”.

Lo afferma Alessandro De Pasquale, segretario nazionale Ugl Polizia Penitenziaria.

“Le forze di polizia dell’Italia - continua De Pasquale - hanno uno stipendio basso , una vergogna rispetto a quello dei colleghi degli altri paesi dell’Europa. Ieri i sindacati hanno incontrato il Governo, hanno parlato tanto, addirittura alcuni di loro, a quanto pare, sarebbero andati anche “fuori tema”, rischiando di annoiare la platea”.

Secondo l’Ugl, occorre sottoscrivere un accordo economico che possa finalmente restituire dignità professionale alle donne e gli uomini delle forze di polizia che non sono più disposti ad accettare “spiccioli”.

I poliziotti meritano uno stipendio che rapportato al costo attuale della vita e anche al rischio. La politica deve investire nella sicurezza . “Inoltre - sostiene De Pasquale - è importante consegnare ai poliziotti un contratto che, nella parte giuridica, tuteli davvero le donne poliziotto, le mamme poliziotto, i papà poliziotto e tutte quelle situazioni che nell’attuale contratto sono attuabili solo a discrezione dell’amministrazione, dopo essersi affidati al buon Dio. Bisogna togliere nei nostri contratti la frase: l’amministrazione, valutate le esigenze di servizio può...”, sostituendola con la frase: “l’amministrazione ha l’obbligo di....”.

Certi diritti sono costituzionalmente garantiti e non possono trasformarsi in mere concessioni”.

“Il nostro contratto - conclude De Pasquale - sotto il profilo giuridico ed economico è scandaloso. È arrivato il momento che i sindacati facciano la loro parte, evitando di aprire i confronti partendo dai greci e dai romani; occorrono quattro parole e su punti concreti, così da portare a casa un ottimo risultato, contemperando gli interessi di tutti”.

Il confronto è stato rimandato al prossimo 9 gennaio 2018.

Last modified on Domenica, 14 Gennaio 2018 19:31
Share this article

Contatti

Privacy Policy

Top