In un eventuale giudizio occorre dimostrare le ragioni ...
Le disposizioni del bando non possono essere disapplicate in ...
Alla luce delle problematiche che stanno interessando il settore
Oggi nella sala Falcone del Ministero della Giustizia, il ...
Roma, 11 sett. - Il Sottosegretario alla Giustizia ...
Informiamo tutti i candidati che l’art. 10, comma 7, del
Polizia penitenziaria, De Pasquale (Ugl): “Incontri con il Guardasigilli siano pubblici e in streaming”

Tra gli obiettivi prioritari della Pubblica Amministrazione vi è la partecipazione, la trasparenza e il miglioramento del rapporto tra Cittadini e Amministrazione “Abbiamo proposto al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, di rendere pubblici gli incontri con i sindacati della Polizia Penitenziaria, anche quelli presso il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, attraverso dirette streaming”. Così il Segretario Nazionale Ugl Polizia penitenziaria, Alessandro De Pasquale, che ha inviato la proposta direttamente al Ministro della Giustizia. Secondo De Pasquale, “la sola verbalizzazione degli incontri, non consente di comprendere nel loro insieme le varie dinamiche e le posizioni delle parti. I cittadini hanno il diritto e anche il dovere invece di conoscere come viene esercitato il confronto sindacale anche in relazione al principio costituzionale del buon andamento dell’azione amministrativa”. “Tra gli obiettivi prioritari della Pubblica Amministrazione – sottolinea De Pasquale - vi è la partecipazione, la trasparenza e il miglioramento del rapporto tra Cittadini e Amministrazione. Gli strumenti legislativi che offrono opportunità di partecipazione democratica e trasparenza ci sono - continua il sindacalista - basta avere il coraggio di metterli in atto. Infatti l’articolo 9 del Decreto Legislativo 4 aprile 2006, n. 159, recita: ‘Lo Stato favorisce ogni forma di uso delle nuove tecnologie per promuovere una maggiore partecipazione dei cittadini, anche residenti all’estero, al processo democratico e per facilitare l' esercizio dei diritti politici e civili sia individuali che collettivi’”. “Ben vengano quindi le telecamere - conclude De Pasquale - perché sono il modo più diretto e utile per favorire la partecipazione”.

Leggi la lettera al Ministro della Giustizia

Last modified on Venerdì, 20 Luglio 2018 13:00
Share this article

Contatti

Privacy Policy

Top